Visita guidata: Matite e manette – La Polizia nel fumetto

Visita guidata: Matite e manette – La Polizia nel fumetto
14/12/2019
15:00 - 16:00
Norme anti-Covid
L’attività si svolge nel rispetto delle misure previste dal DPCM, con il mantenimento della distanza interpersonale di almeno un metro, la presenza nei locali di gel disinfettanti e l’obbligo dell’uso della mascherina. Gli operatori si riservano di misurare la temperatura corporea dei partecipanti al momento dell'ingresso.
Per prenotare, accetta i termini e le condizioni di utilizzo del servizio e leggi l'informativa sulla privacy.
Per le attività in collaborazione con UNIS&F, accetta ulteriori termini e condizioni.
Se sei già registrato, accedi al sito prima di procedere.
Se non sei registrato, dopo la prima prenotazione, attendi le credenziali per accedere al sito e gestire le tue prenotazioni.

Un “volo perlustrativo” sulla smisurata produzione editoriale dei maggiori e più rappresentativi personaggi di polizia nazionali e internazionali del fumetto, dell’animazione e dell’illustrazione, tanto in chiave realistica come umoristica, tra cui i commissari Topalbano, Basettoni e Manetta, il surreale Cocco Bill, Dick Tracy, l’Agente X-9, Rip Kirby, il leggendario Tex, l’ispettore Ginko e molti altri.

L’allestimento è arricchito da istallazioni, divise e oggetti, cartoline e pubblicazioni storiche, identikit esemplificativi e molto altro ancora.

L’evento viene realizzato con il patrocinio della Polizia di Stato, in collaborazione con la Questura di Pordenone e con la rivista ufficiale della Polizia di Stato “Polizia Moderna” (180 mila copie in tutta italia) che pubblica regolarmente le avventure a fumetti de “il Commissario Mascherpa” del quale sono esposte le tavole.

Lasciatevi… catturare!

Visita guidata di circa un’ora per un minimo di 5 persone (5€)


Ingresso gratuito

Martedì/Venerdì 15.00-19.00

Sabato/Domenica 10.00-19.00

Giornate festive di dicembre
Aperto: 8 dicembre (10:00-19:00), 26 dicembre (15:00-19:00), 6 gennaio (10:00-19:00)
Chiuso: 25 dicembre, 1° gennaio