Mi chiamo Andrea, faccio fumetti

Mi chiamo Andrea, faccio fumetti
Tutti
18/10/2020
18:00 - 19:00
Intero 16€
Ridotto 12€
Nel prezzo è incluso l'ingresso alle mostre "Mecha-Design a fumetti", "Il Muro", "Hendrix, Pasolini e altre storie" e "Lockdown Chronicles".
Norme anti-Covid
L’attività si svolge nel rispetto delle misure previste dal DCPM, con il mantenimento della distanza interpersonale di almeno un metro, la presenza nei locali di gel disinfettanti e l’obbligo dell’uso della mascherina. Gli operatori si riservano di misurare la temperatura corporea dei partecipanti al momento dell'ingresso.

Disposizioni di legge
L'attività rientra nel progetto “La palestra della creatività”, finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia ai sensi L.R. 16 del 11/2014 (Norme regionali in materia di attività culturali) art. 30 bis, e realizzato in partnership con Unisef.
Per prenotare, accetta i termini e le condizioni di utilizzo del servizio e leggi l'informativa sulla privacy.
Per le attività in collaborazione con UNIS&F, accetta ulteriori termini e condizioni.
Se sei già registrato, accedi al sito prima di procedere.
Se non sei registrato, dopo la prima prenotazione, attendi le credenziali per accedere al sito e gestire le tue prenotazioni.
Un monologo disegnato, un omaggio che non vuole omaggiare nessuno, una dichiarazione di resa di fronte alle sentenze perentorie del destino. Andrea Santonastaso, attore oggi, disegnatore di fumetti una volta, racconta, attraverso le parole scritte da Christian Poli, l’arte del più grande disegnatore di fumetti che il nostro paese abbia avuto: Andrea Pazienza.
Lo fa disegnando in scena e dichiarando la propria impotenza di fronte al talento immenso di questo istrione dei pennelli, la sua inferiorità ma anche la rabbia per lo spreco cosciente e quasi premeditato di tanta arte pura in nome della follia di “un buco”. Lo fa raccontando Penthotal, Zanardi, Pertini e soprattutto “entrando” dentro Gli ultimi giorni di Pompeo, testamento artistico dell’autore.
Arriva al PAFF! una nuova produzione del Teatro dell’Argine, che ha deciso da subito di sposare il progetto di Andrea Santonastaso, poiché, nell’intreccio di storia sociale e biografica che lo spettacolo realizza, ha ritrovato le ragioni della propria poetica, e di un percorso spesso volto allo scandaglio di figure e temi di un passato recente in grado di parlare alla sensibilità contemporanea.
Nel prezzo del biglietto è incluso l’ingresso alle mostre “Mecha-Design a fumetti”, “Il Muro”, “Hendrix, Pasolini e altre storie” e “Lockdown Chronicles”.

Foto © Teatro dell’Argine