Masters of Black and White – Milton Caniff

Masters of Black and White – Milton Caniff
TUTTI
15/12/2020 - 14/03/2021
Tutto il giorno
4€
Norme anti-Covid
L’attività si svolge nel rispetto delle misure previste dal DPCM, con il mantenimento della distanza interpersonale di almeno un metro, la presenza nei locali di gel disinfettanti e l’obbligo dell’uso della mascherina. Gli operatori si riservano di misurare la temperatura corporea dei partecipanti al momento dell'ingresso.

Disposizioni di legge
L'attività rientra nel progetto “La palestra della creatività”, finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia ai sensi L.R. 16 del 11/2014 (Norme regionali in materia di attività culturali) art. 30 bis, e realizzato in partnership con UNIS&F.
Per prenotare, accetta i termini e le condizioni di utilizzo del servizio e leggi l'informativa sulla privacy.
Per le attività in collaborazione con UNIS&F, accetta ulteriori termini e condizioni.
Se sei già registrato, accedi al sito prima di procedere.
Se non sei registrato, dopo la prima prenotazione, attendi le credenziali per accedere al sito e gestire le tue prenotazioni.

La mostra dedicata a Milton Caniff, uno dei più grandi autori nella storia del fumetto: le sue grandi tavole e le strisce raccontano pagine poco conosciute della nostra storia in cui si intreccia il legame tra comics, cinema, musica e la moda degli anni Trenta e Quaranta.

Ph. Elisa Caldana

L’autore

Masters of black and white – Milton Caniff celebra l’opera del grande autore americano, considerato il “Rembrandt del fumetto”, uno dei più importanti e influenti fumettisti della storia, da cui anche Hugo Pratt ha preso ispirazione, e che fra gli anni Trenta e Quaranta ha raccontato per immagini un mondo fatto di femmes fatales e avventurieri.

Caniff è stato impegnato lungo il corso di tutta la sua produzione in una rappresentazione attenta in chiave espressiva del mondo che lo circondava, che interpretava in maniera minuziosa, a partire dagli abiti e dalle acconciature delle protagoniste femminili, per le quali si ispirava alle pagine di Vogue, fino all’uso di inquadrature cinematografiche dal basso, citando apertamente la cifra stilistica di registi rivoluzionari del suo tempo quali Orson Welles e Alfred Hitchcock.

Ph. Elisa Caldana

La Mostra

Protagonista del percorso espositivo è una collezione di 61 tavole proveniente dalla Galleria 9éme Art di Parigi, esposta per la prima volta in Italia, con strisce come “Terry e i Pirati”, “Male Call”, “Dickie Dare” e “Steve Canyon”. Questi originali rappresentano un riferimento imprescindibile nella storia della narrazione per immagini e hanno fatto sognare generazioni di lettori.

I lavori esposti, alcune dei quali raggiungono il valore di centomila euro, sono affiancati da contenuti di approfondimento a cura di Luca Raffaelli, con appendici tematiche multimediali su ambiti trasversali come il cinema, la musica e la moda del tempo.

L’esposizione non costituisce solo un’occasione per conoscere un grande illustratore: è un modo di avvicinarsi a un periodo, quello a cavallo fra le due guerre, carico di suggestioni e di cambiamenti, in diversi campi, dal cinema alla moda, fino alla musica, fornendo una chiave di lettura critica ma allo stesso tempo partecipata della società.

Virtual Tour

La mostra, nel rispetto delle direttive in materia di prevenzione del contagio, è fruibile online in forma di virtual tour grazie ad un sistema interattivo, che permette una visita completa, a 360° e in alta definizione degli spazi espositivi.

Acquista subito

Note

La mostra è realizzata con il sostegno della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia e del Comune di Pordenone. L’esposizione è creata in collaborazione con la Galleria 9éme art di Parigi e con gli interventi tematici del Museo della Moda e delle Arti Applicate di Gorizia.

Non prenotabile