INGRESSO GRATUITO

 

MOSTRA DEDICATA ALLA SAGA DEL CAPITANO ALATRISTE

CON LE ILLUSTRAZIONI DI JOAN MUNDET

 

La mostra ripercorre le celebri avventure del Capitano Alatriste, protagonista della saga picaresca nata dalla fantasia dello scrittore spagnolo Arturo Pérez-Reverte.

In esposizione, le illustrazioni di Joan Mundet (dai libri di Arturo Pérez-Reverte), fumettista, pittore e illustratore spagnolo pluripremiato, con all’attivo numerosi libri diventati veri e propri best seller.

La mostra si inserisce nella 30^ edizione del festival Dedica, rassegna che attraverso dodici tappe, fra incontri, libri, teatro, musica e cinema conduce il pubblico nell’universo letterario, caratterizzato dalla magistrale abilità di fondere la Storia con la finzione, di Arturo Pérez-Reverte, figura di spicco della letteratura contemporanea.

La mostra è co-prodotta da Thesis e PAFF! International Museum of Comic Art.

Biografia di Joan Mundet

Joan Mundet nasce a Castellar del Vallès nel 1956 e studia Belle Arti a Barcellona.
La sua carriera professionale inizia nel 1975 disegnando fumetti. Amplia le sue collaborazioni (Svezia, Inghilterra, Germania e Italia) attraverso varie agenzie.
Nel 1982 ha vinto il premio del fumetto Ciudad de Guadalajara e ha partecipato a Rock Comix y otros rollos su Radio 3 RNE. Pubblica regolarmente sulla rivista «Rambla».
Dal 1986 si dedica all’illustrazione di libri. Collabora alla rivista «Cavall Fort».
Dal 1992 alterna l’illustrazione alla pittura e alla ceramica.
Dal 2000 illustra tutto ciò che riguarda il personaggio del Capitano Alatriste di Arturo Pérez-Reverte.
Ha illustrato le sceneggiature di Robin Wood per il personaggio di Dago che vengono pubblicate in Italia.
È autore delle graphic novel: Gari Folch (2008), El Capitán Alatriste (Il capitano Alatriste, 2005), Limpieza de sangre (Purezza di sangue, 2008), 11-M La novela gráfica (11-M Il romanzo a fumetti, 2009), Mil vidas más (Mille vite in più, 2010) con la quale ha vinto il Premio nazionale del fumetto della Catalogna nel 2011, Best seller (2014), Capablanca: A cara o cruz (Capablanca: Testa o croce, 2016), Looking for Nobody (Cercando Nessuno, 2017), Capablanca: Dos muertes (Capablanca: Due morti, 2017), Capablanca: El pozo del olvido (Capablanca: Il pozzo dell’oblio, 2018), Gari Folch (2018, nuova edizione con pagine aggiuntive), e ancora per la serie Capablanca: Te llamaré Capablanca (Ti chiamerò Capablanca, 2019), Cien mil doblones (Centomila dobloni, 2021), Adiós a la tierra (Addio alla terra, 2022). Di ambientazione western è invece Bajo el cielo de acero (Sotto il cielo d’acciaio, 2021).
Sue storie illustrate sono contenute nei libri collettivi BCN Noire (2018) e ¡O todos o ninguno! (O tutti o nessuno, 2021).